European Sogni Award – 2011

 

Il vincitore:

BAD LYRICS di Marcin Marziarzewski - POLONIA
Nato nel 1981, si è laureato in Scienze politiche all’Università Jagellonica di Cracovia e attualmente sta studiando regia al dipartimento radio-tv dell’Università di Slesia a Katowice. E’ sceneggiatore e regista di cortometraggi e documentari. “Bad lyrics” ha vinto il primo premio come miglior film realizzato da uno studente al Plus Camerimage Festiwal 2009 di Lodz.

Peter è un tecnico del suono che soffre di una malattia molto rara, la sindrome di Tourette. Che si manifesta, tra l’altro, con urla incontrollate di parolacce e frasi terribili. La storia tragicomica di un uomo che si tormenta per i suoi limiti e cerca di entrare in relazione con gli altri.

Hanno partecipato:

HUNGRY HICKORY di Di Damian Mc Carthy - IRLANDA
Diplomato al St. Jonhs College di Cork (Irlanda), con una specializzazione in sceneggiatura. Al momento sta lavorando a un lungometraggio su un soggetto soprannaturale, ma prima ha realizzato alcuni cortometraggi. Il primo è stato “Alla fine lui muore”, proiettato in festival cinematografici di tutto il mondo e vincitore di tre premi. Il secondo “Hatch”, è stato proiettato in diversi festival. “Hungry Hickory” è il suo terzo corto.

Damian Mc Carthy lavora con un gruppo di poche persone, ma di grande talento, composto da amici, parenti ed ex studenti del St. Johns College. In una vecchia e spaventosa stanza da letto, una ragazza è terrorizzata dalla piccola porta alla fine del suo letto.

VITÈ (MA NON TROPPO) di Jesús Mesas Silva - SPAGNA
Scrittrice e regista, nata a Madrid nel 1974, ha studiato Lingue Moderne all’Università Complutense di Madrid e all’Università di Bonn. Nato a Badajoz (Spagna) nel 1983. Nel 2005 si è diplomato con lode in Studi Audiovisivi e di comunicazione e la girato il cortometraggio “Destroyers”. Nel 2007 ha studiato alla scuola di cinema dell’Andalusia, dove ha girato il corto “Subtitulado”. Due anni dopo ha realizzato il suo primo corto in 35mm: “Vité”. Al momento sta lavorando a un lungometraggio, “El buen padre”, prodotto dalla Mexican Alux Films e diretto da Sharon Toribio.

Un giorno qualunque in una città qualunque. Dio è in cielo, Ruben pensa di conquistare il mondo e una adolescente finlandese sta per impiccarsi a una lampada. Le loro vite stanno per cambiare, ma loro non lo sanno

IL GARIBALDI SENZA BARBA di Nicola Piovesan - ITALIA
Nasce al Lido di Venezia il 1° aprile 1979. Nel 1999 si trasferisce a Bologna dove si laurea in Dams-cinema nel 2004. Comincia a girare cortometraggi nell’autunno 2001, che vengono proiettati in vari festival, vincendo premi per la fotografia, regia, sceneggiatura, effetti speciali, del pubblico e della critica. Nell’estate del 2009 gira il suo secondo documentario, ambientato nella Val Grande, la zona disabitata più grande d’Italia, presentato al Trento Film Festival e vincitore del Premio Giuria Popolare al festival “Parchi in Campo”.

Una banda di arzilli vecchietti decide di rapinare un’auto che trasporta un francobollo di valore inestimabile. Organizzano il colpo in maniera alquanto grottesca, ma studiando tutto nei minimi dettagli. Poi, qualcosa che non avevano calcolato, cambierà radicalmente le carte in tavola.

IN MY PRISON di Alessandro Grande - ITALIA
E’nato a Catanzaro nel 1983. Dottore magistrale in Storia, Scienze e Tecniche dello Spettacolo, all’Università di Roma Tor Vergata. Ha realizzato diversi cortometraggi a tematica sociale. Da sottolineare “Fabietto Rispondi”, vincitore del Festival Unishort, “Torno subito”, premio miglior film e migliore attore protagonista al festival “Lattarico in corto”, e “Io.Indifesi”, presentato ufficialmente al Reggio Calabria Film Fest.

Un detenuto non riesce più a sopportare l’atmosfera opprimente che si respira all’interno del carcere ed escogita così un piano per mettere fine alle sue angosce e trovare finalmente la serenità.

OGGI GIRA COSÌ di Sydney Sibilia - ITALIA
Inizia la sua carriera cinematografica all’età di 16 anni quando con Fabio Ferro, scrive, produce, dirige e interpreta un mediometraggio dal titolo “L’ombra della chiave inglese”. Da quel momento in poi sono svariati i progetti ai quali ha partecipato, come sceneggiatore, regista, produttore ed interprete. Oggi vanta numerose produzioni di cortometraggi, videoclip musicali, spot commerciali e preziose collaborazioni con professionisti del panorama cinematografico italiano.

La bizzarra giornata di Gianni, un professore di latino e greco con un forte esaurimento nervoso, e di Mirko e Danilo, due ultra trentenni balordi che, pur di vivere, si sono inventati un mestiere piuttosto singolare. Le loro vite si intrecceranno per caso in un lussuoso appaartamento nel centro di Latina, nel quale abita una famiglia borghese di cui fa parte Lucia, una graziosa adolescente già annoiata dalla vita.

HURLEMENT D'UN POISSON di Sébastien Carfora - Francia
Originario dell’Italia, dopo essersi laureato nel 2001 in Storia e critica del cinema all’Università di Torino, ha lavorato per due anni al montaggio per la Cks Casasonica e collaborato con la Rai. Volendo diventare regista , è partito per la Francia e si è iscritto alla Scuola di studi superiori cinematografici, a Parigi, dove si è diplomato nel 2004. Ha poi realizzato una serie di video per la scuola bilingue EaB, dei cortometraggi, dei video musicali. Dopo aver lavorato a spot per molte importanti marche, dal 2009 è tornato ai cortometraggi.

Julien è un poeta. Oggi deve affrontare il suo primo giorno di lavoro, in un call center nel quale si fanno sondaggi telefonici.

LUCILLE di Albert Pintó - SPAGNA
Nato a Barcellona il 28 ottobre 1985, a 21 anni si è diplomato in regia alla Scuola superiore di cinema della Catalogna. Attualmente collabora con la casa di produzione Mediafilms e lavora come freelance a progetti audiovisivi e pubblicitari.

Cesare, un giovane perso in un mondo tutto suo, di fantasie e idealizzazioni, farà tutto quanto in suo potere per riconquistare l’amore della sua vita, Lucia, o, come lui preferisce chiamarla, “Lucille”. Una commedia romantica sull’importanza di non predere la speranza, anche quando tutto sembra perduto.

RF di Stavros Liokalos - GRECIA
Nato a Creta nel 1981, ha studiato architettura alle università di Atene e Berlino e cinema sui libri, nei teatri, nella gente che lo ha ispirato, frequentando le troupe cinematografiche. Lavora per il cinema dal 2006, in diversi settori. RF è il suo primo tentativo di regia completo.

Un uomo qualunque cerca di riparare l’antenna della tv, in una città qualunque; ma una serie di eventi inaspettati trasforma questa anonima giornata in qualcosa di magico.

SECOND SEUIL di Loïc Nicoloff - FRANCIA
Nato il 7 settembre 1974, trascorre l’infanzia a Marsiglia e fin da piccolo si appassione di Fantasy. A 19 anni comincia a scrivere i suoi primi racconti, poi passa alle sceneggiature. Nel 1998 vince il primo premio a un concorso di sceneggiature, il Fesitval degli Scrittori di La Ciotat, che gli permette di fare i primi passi nel mondo del cinema. Nel 2004 comincia a realizzare cortometraggi.

Rifiutando di accettare la fine della sua vita passata, Pierre finisce in un mondo che è al limite del nostro, inseguito da un uomo muto, con un sorriso beato, del quale non riesce a liberarsi.

VOMERO TRAVEL di Guido Lombardi - ITALIA
Scrittrice e regista, nata a Madrid nel 1974, ha studiato Lingue Moderne all’Università Complutense di Madrid e all’Università di Bonn. Nasce a Napoli il 31 maggio 1975. Dopo aver conseguito la laurea in Sociologia all’Università degli studi di Napoli Federico II, frequenta diversi corsi e master di sceneggiatura e svolge numerosi stage formativi nel settore televisivo e cinematografico. Intraprende in seguito la carriera di sceneggiatore e di operatore video, lavorando sia nel cinema che nella televisione. Esordisce alla regia con “Vomero Travel”, cortometraggio prodotto da “Figli del Bronx” ed “Indingo Film”. Attualmente sta lavorando alla realizzazione del suo primo lungometraggio, dal titolo “La bas”.

Vittorio ha 14 anni, studia al liceo, abita al Vomero (il quartiere “bene” di Napoli) ed è un fan dei “Roca Luce”, un gruppo hip hop di quattro ragazzi appena maggiorenni. Questi invece abitano nella periferia nord di Napoli, di cui raccontano, nelle loro canzoni, il degrado e la violenza. Attraverso il loro incontro scopriranno entrambi che, sebbene separati da pochi chilometri di metropolitana, i mondi a cui appartengono sono molto, molto distanti.

SPOILT BROTH di Tony Roberts - GERMANIA
Ha studiato cinema all’Università della California, imparato i segreti della distribuzione alla compagnia di effetti speciali Stargate Digital e scritto sceneggiature per 16 trasmissioni televisive negli USA e in Europa. Per Anglia (Regno Unito) ha diretto documentari televisivi, spot pubblicitari, cortometraggi. Tra l’altro ha prodotto e diretto cinque cortometraggi, uno con lo UK Film Council, che sono stati selezionati dal 65 festival di nove paesi e hanno vinto sette premi.

Disperato, Felix decide di rapinare un ufficio postale. Il problema è che non lo ha mai fatto e ben presto Felix si rende conto che non è affatto facile. Prima di tutto, che diavolo dici? Ma questo problema diventa insignificante quando Felix si trova a doversi confrontare con un rapinatore di professione, che ha una pistola molto più grande della sua.

SUFREURS di Julien Lucas - FRANCIA
La sua principale attività nel mondo del cinema è quella di interprete e tra i lavori più interessanti possiamo citare la partecipazione nel film “Les amants réguliers” (2005) di Philippe Garrel dove ha interpretato la parte di Antoine. Nel 2009 ha inoltre lavorato con Léa Fehner per la realizzazione del film “Qu’un seul tienne et les autres suivront”.

Una spiaggia sperduta in mezzo al nulla. Un giovane uomo piange chiedendo aiuto. Sepolto fino al collo nella sabbia, con la marea che si sta alzando, cerca di fuggire. Ma il posto è deserto e nessuno risponde alle sua grida.

THE CONTRACT di Anna Zaytseva - REPUBBLICA CECA
E’ nata il 2 aprile 1985 in Russia. Figlia di un regista e di una attrice, ha vissuto quasi sempre a Mosca. Nel 2005 si è laureata in Economia all’Università statale di Mosca. Nel 2006 ha cominciato a lavorare con successo come prima assistente alla regia nelle maggiori produzioni cinematografiche russe. Nel 2009 si è diplomata alla Scuola di cinema e tv dell’Accademia delle Arti Drammatiche a Praga, dove ora sta facendo un master in regia.

Un ricco quarantenne arriva in un lussuoso e misterioso albergo, dove verrà assistito nella realizzazione del suo insolito desiderio: il suicidio. Firma il contratto obbligatorio. Ma all’hotel incontra una giovane cliente, una bellissima donna, e comincia a dubitare della sua decisione.

THE NIGHT NURSE di Terence White - IRLANDA
Ha lavorato come direttore teatrale, prima di passare alla regia cinematografica alla fine degli anni Novanta. Ha diretto diversi cortometraggi, tra i quali “A man of few words” (Filmbase/Arts Council) e “Skates” (Cork Film Centre).

Un’infermiera che fa il turno di notte in un ospedale psichiatrico cerca freneticamente un paziente; la verità che si nasconde dietro la sua scomparsa è terribile.

UNIFORMADAS di Irene Zoe Alameda - SPAGNA
Scrittrice e regista, nata a Madrid nel 1974, ha studiato Lingue Moderne all’Università Complutense di Madrid e all’Università di Bonn. Ha conseguito un dottorato di ricerca in Letterature Comparate e un master in Studi Cinematografici alla Columbia University. Ha lavorato come sceneggiatrice, aiuto regista, produttrice e direttrice artistica in diversi cortometraggi. Come scrittrice, ha pubblicato vari racconti e il romanzo “Sueños zingari” (2004). E’ autrice di saggi e traduzioni. Attualmente dirige l’istituto Cervantes a Stoccolma.

Margaret è una bambina solitaria, ma molto osservatrice. Ogni giorno è bersagliata da numerosi messaggi conformisti, che cercano di imporle un preciso ruolo sociale. Ma Margaret ha un piccolo segreto. E dal rifugio della sua stanzza ci mostrerà la forza e l’immaginazione con le quali vincerà gli stereotipi.

LA GIURIA

GIANLUCA MOROZZI: scrittore e sceneggiatore
FULVIA SISTI: giornalista Rai
GIUSEPPE TAGLIAVINI: curatore di effetti speciali
ILARIA VESENTINI: giornalista del Sole 24 Ore

I commenti sono chiusi