Premio Giuseppe Maestri – 2017

Il premio al miglior cortometraggio di animazione.

 

La Giuria:

ANGELINA TIENGHI MAESTRI

STUDIO CROMA – Studio di animazione

ALESSANDRA DRAGONI – Fotografa

FLAVIO FABBRI – Direttore creativo (Young and Rubicam/VML)

DAVIDE REVIATI – Fumettista

 

Il vincitore:

CHIKA, DIE HÜNDIN IM GHETTO di Sandra Scheissl (Germania)
Il cane Chika e il bambino di cinque anni Mikasch sono gli eroi di questa storia ambientata in un ghetto ebraico di una sconosciuta città polacca. L’animale aiuta Mikasch a crescere come qualsiasi bambino dovrebbe crescere, nonostante le persecuzioni del suo popolo e la minaccia della Seconda Guerra Mondiale.

Sandra Scheissl

Nata ad Herne, in Germania, nel 1971, Sandra studia Arte, Scultura e Filologia Germanica all’Università di Brema. Frequenta la Scuola di Arti a Glasgow, dove lavora come regista di animazione per la Sesame Street. Nel 1997 comincia a studiare Graphic Design e Animazione all’Accademia di Belle Arti di Amburgo, dove si laurea nel 2002. Nel 2001 è cofondatrice e amministratore delegato di TRIKK17-Animationsraum GmbH & Co, e ad oggi ne è amministratore delegato, direttore e responsabile dei settori sviluppo e design.

Chika, die hündin im ghetto | Sandra Scheissl

 

Gli altri corti in concorso:

ALL THE WORLD IS A STAGE di Hannes Rall (Germania e Singapore)
Un adattamento animato del famoso poema di Shakespeare “All The World’s a Stage” narrato dal rinomato regista e attore shakesperiano Samuel West (Royal Shakespeare Company).

Hannes Rall

Professore associato alla Scuola di Arti, Design e Media (ADM), illustratore e regista indipendente di film di animazione. I suoi lavori sono stati presentati in più di venti paesi partecipando a un centinaio di festival in tutto il mondo. La sua ricerca è incentrata sull’esplorazione e il riadattamento delle arti tradizionali asiatiche dell’animazione. Hannes Rall ha appena finito di girare il corto animato “The Cold Heart”, ispirato ad un racconto di Wilhelm Hauff.

All The World is a Stage di Hannes Rall

BAUMU di Shao-Chun Chung (Taiwan)
Un’assassina, che desidera avere un figlio, e uno spietato omicida a sangue freddo vanno nell’appartamento di un tossicodipendente per ucciderlo. Sfortunatamente anche la moglie del tossicodipendente è nell’appartamento.

Shao-Chun Chung

Nato a Pingtung, in Taiwan, nel 1989, si è laureato alla National University of the Arts di Tainan. I suoi lavori risentono del suo amore per le atmosfere noir; ama esplorare l’area grigia tra il bene e il male.

Baumu | Shao-Chun Chung

DOWN TO THE WIRE di Juan Carlos Mostaza (Spagna)
Da qualche parte, in un mondo abitato da persone fatte di fil di ferro, uno straniero arriva in una città fantasma abitata solo da un uomo e sua figlia.

Juan Carlos Mostaza

Laureato in Ingegneria Informatica all’Università di León, è uno dei membri fondatori di “La Catedral Animation Studio”, dedicato alla post-produzione digitale per il cinema e la televisione. Combina il suo insegnamento in Computer Grafica e Tecniche di animazione all’Universidad CEU San Pablo (Madrid) con la sua carriera come ricercatore in Motion Capture all’Università di Cardiff (Galles) e facendo brevi film d’animazione. Le sue opere “Broken Wire”, “Casitas” e “Ora” hanno partecipato a più di 300 festival in tutto il mondo, ottenendo più di 100 premi internazionali, tra cui una nomination per i premi Goya.

Down the Wire | Juan Carlos Mostaza

LIFE SUCKS! BUT AT LEAST I’VE GOT ELBOWS di Nicola Piovesan (Estonia)
Una precoce ragazzina di 9 anni assilla il padre con svariate domande sulle grandi tematiche esistenziali. Questi è abile nel cavarsela soddisfacendo in qualche modo le curiosità della ragazzina, fra interventi fuori luogo del figlio più piccolo e ricordi traumatici della ex moglie…

Nicola Piovesan

Nicola Piovesan nasce a Lido di Venezia l’1 aprile 1979. Nel 1999 si trasferisce a Bologna, dove si laurea con lode al DAMS-cinema nel 2004. Nell’autunno del 2001 comincia a girare cortometraggi che vengono proiettati in vari festival, vincendo, ad oggi, quasi una quarantina di premi in circa settanta festival internazionali. Dal 2008 al 2011 insegna Cinema in un istituto superiore a Como, trasferendosi nel 2009 a Milano. Nell’autunno del 2011 si trasferisce a Helsinki, Finlandia, e nell’estate del 2013 a Tallinn, Estonia, dove tuttora vive, collaborando come freelance in ambito video e multimediale con clienti in tutto il mondo.

Life Sucks! But At Least I’ve Got Elbows di Nicola Piovesan

OUR WONDERFUL NATURE - THE COMMON CHAMELEON di Tomer Eshed (Germania)
Le abitudini alimentari di un camaleonte come non si sono mai viste prima.

Tomer Eshed

Nato a Tel Aviv il 23 novembre 1977, si diploma alla Scuola superiore d’arte di Gerusalemme, dipartimento di arti plastiche. Studente all’Accademia di Cinema e Televisione Konrad Wolf in Germania, dal 2010 al 2013 è direttore, regista e cofondatore dello studio di animazione “Talking Animals” di Berlino. Dal 2013 al 2016 è direttore, regista e cofondatore di “Lumatic GmbH & Co KG”, sempre a Berlino.

POLCHINSKI di Astutillo Smeriglia (Italia)
Qualcuno si nasconde nell’ombra e vuole che Polchinski dica la verità.

Astutillo Smeriglia

Sceneggiatore e autore di animazioni. I suoi cortometraggi hanno ottenuto premi e riconoscimenti in numerose manifestazioni cinematografiche, fra cui i Nastri d’Argento (premio per la migliore animazione nel 2011 e nel 2012) e il David di Donatello, dove con “Preti” ha ottenuto una nomination nel 2013. Per il cinema ha scritto e disegnato le animazioni del film “La scuola più bella del mondo” di Luca Miniero (2014). Nel 2015 ha scritto il libro “Pianeta Terra. Guida per visitatori alieni” (Castelvecchi – Ultra).

STEVEN GOES TO THE PARK di Claudia Cortés Espejo (Belgio)
Steven attraversa un brutto periodo, fino a quando non decide di affrontare l’origine dei suoi problemi… il suo creatore.

Claudia Cortés Espejo

Nata nel 1991 a Valencia, in Spagna, si trasferisce nel 1992 in Belgio con la famiglia. Ha cominciato a studiare graphic design alla École de recherche graphique nel 2012; è poi passata allo studio dell’animazione a La Cambre (2013 – 2016).

Steven Goes To The Park di Claudia Cortés Espejo

THE ALAN DIMENSION di Jac Clinch (Regno Unito)
Alan Brown usa i suoi poteri precognitivi per prevedere il destino dell’umanità e… quello che ci sarà a colazione. Nel frattempo Wendy non ne può più di essere sposata con “l’anello mancante” dell’evoluzione cognitiva.

Jac Clinch

Regista e scrittore. Dopo essersi laureato in Illustrazione Animata alla Kingston University è stato ammesso alla National Film and Television School – regia di animazione. Il suo corto animato di debutto, “The Alan Dimension”, è stato selezionato alla sessantanovesima edizione del Festival di Cannes. I suoi lavori sono pieni di humor e traggono ispirazione dalle teorie scientifiche e dal suo background inglese. Al momento sta lavorando a vari progetti e sviluppando lavori per la televisione.

The Alan Dimension di Jac Clinch

THE EDGE di Alexandra Averyanova (Russia)
Un’anziana vive in una piccola stazione sperduta in mezzo al nulla. Non c’è anima viva nel giro di chilometri. I giorni trascorrono sempre allo stesso modo, l’unico diversivo nella vita della donna è il treno che passa.

Alexandra Averyanova

Dal 1998 lavora allo studio di animazione Melnitsa. Ha preso parte a numerosi progetti come: “Adventures in the Emerald City”, “Technology Series”, “Bears-Rescuers”. Dal 2000 al 2004 ha lavorato come direttore artistico di “The Dwarf’s Nose”. Dal 2005 lavora come regista di animazione allo studio Petersburg. Ha lavorato come regista per molte serie televisive come “Smeshariki”.

The Edge di Alexandra Averyanova

I commenti sono chiusi